In morte di Padre Vincenzo Gallo

 

Padre Vincenzo Gallo in una foto del 1960

P. Vincenzo Gallo è morto a Foggia nel convento di S. Pasquale oggi 23 novembre. Era nato ad Ascoli Satriano Gli eravamo particolarmente legati avendo trascorso con lui un parte non piccola della nostra vita religiosa. Arrivò a S. Matteo nell’estate del 1955 con l’incarico di guidare i giovani chierici di filosofia. Nel 1958 gli fu conferito l’incarico di Guardiano del Convento. Erano tempi duri, ma alla Fraternità Religiosa e, soprattutto, al robusto appetito dei giovani non mancò mai nulla.

Con P. Vincenzo la Fraternità di S. Matteo si aprì con maggiore convinzione al rapporto col mondo esterno al convento, alle sue esigenze di conoscenza e di approfondimento spirituale. Nel 1959 diede vita al periodico bimestrale S. Matteo che visse fino al 1963. P. Vincenzo fu il predicatore a cui tutti i preti della zona potevano ricorrere per panegirici, conferenze, catechesi. Il rapporto con i molti amici e benefattori, già profondo e consolidato, divenne più spiritualmente motivato. Con i giovani ebbe una predilezione speciale. Insieme diedero vita al Circolo Studentesco Maschile con sede a S. Matteo, intitolato a Giosuè Borsi, santo, poeta e soldato d’Italia. Fu pubblicato anche un numero unico, che avrebbe voluto essere il primo, intitolato “Il Terrano” in ricordo del delizioso venticello che nelle calde sere d’estate rinfresca le mura orientali del convento proveniente dal vicino canale della Fajarama. Molti professionisti di San Marco sono cresciuti nel Circolo e hanno uno speciale ricordo di P. Vincenzo. Il Circolo ha sempre fatte proprie le intenzioni e i sentimenti di P. Vincenzo: il rapporto cordiale e sincero con tutti, la volontà di conoscere e di comunicare, il dialogo fraterno, la consapevolezza del proprio ruolo nella Chiesa e nella società. Nel rapporto con i giovani studenti P. Vincenzo ha attinto a piene mani alla sua vasta a profonda formazione umanistica acquisita alla scuola di grandi maestri all’Istituto di Scienze e Lettere di S. Chiara a Napoli dove si è laureato in Lettere.
Grazie, P. Vincenzo, anche a nome dei tuoi molti amici e discepoli.

Offriamo un articolo sul Natale del Redentore che il Padre pubblicò sul bollettino S. Matteo 1962 n. 4.

Scarica